Novità…

Buongiorno a tutti, amici vicini e lontani!

Intanto mi scuso per l’assenza dalle scene (in senso lato) della nostra lista, ma dopo lo sforzo della campagna elettorale ci siamo presi un attimo di respiro. Ora torniamo con più energie e risorse a lavorare per la nostra bella città e suoi, altrettanto belli, cittadini!

Come pensiamo di muoverci? Domanda cruciale che è stata al centro dell’ultima riunione della lista e, probabilmente, anche dei pensieri di quelli che ci hanno sostenuti e hanno creduto in noi.

In consiglio comunale ci sarà molto da lavorare, essendo io consigliere unico. Innanzitutto bisognerà preparare bene tutte le sedute e documentarsi sui temi che verranno portati all’ordine del giorno. Abbiamo deciso di dividerci in sottogruppi tematici, che si occuperanno di raccogliere materiali ed informazioni, e di trovarci regolarmente prima di ogni consiglio comunale, per lavorare sui punti importanti dei vari ordini del giorno. Pubblicheremo gli ordini del giorno dei consigli comunali e le date delle nostre riunioni, per rendere i lavori del consiglio il più trasparente possibile e per far sì che il nostro gruppo si allarghi alla partecipazione di chi lo desideri. In secondo luogo, ma non meno importante, bisognerà impegnarsi nel proporre istanze al consiglio comunale e nel portare all’attenzione dell’amministrazione temi che spesso passano in secondo piano. E anche qui avremo bisogno dell’apporto di tutti. Invito infatti i cittadini a scriverci per segnalare problemi, malfunzionamenti o disagi che vivono o vedono muovendosi sul territorio. Noi ci faremo carico di informare tutti e pubblicare le segnalazioni e, ovviamente, di portarle all’attenzione del consiglio comunale. Se sarà possibile metteremo on line anche le registrazioni delle sedute del consiglio o, quantomeno, i miei appunti e resoconti.

Ma ci sarà molto da lavorare anche in città, nelle piazze, sul territorio. Per arrivare ad una reale democrazia, e cioè alla partecipazione di tutti alla gestione della città, bisogna informare ed essere informati. Per poter parlare e discutere, esprimere opinioni e idee, criticare e proporre nuove soluzioni, bisogna prima di tutto conoscere le cose ed essere consapevoli. Condivideremo coi cittadini tutte le informazioni e le notizie che entreranno in nostro possesso grazie al lavoro sul campo e continueremo a incontrarci con la cittadinanza per discutere e confrontarci con tutti. Nella sezione del blog “incontri” pubblicheremo le iniziative, di vario genere, che abbiamo intenzione di proporre alla cittadinanza (serate, banchetti, cene, feste 🙂 …). Invito fin da ora alla massima partecipazione!!

Infine devo comunicare con grande rammarico che abbiamo dovuto abbandonare la nostra bellissima, nonchè lussosissima,  sede della lista in Via paradisi. Le prossime riunioni della lista si terranno in sala consiliare. Purtroppo il proprietario ci aveva concesso di sistemarci là in attesa di vendere ed ora noi non possiamo permetterci di pagare un affitto. Ci tengo a ringraziere pubblicamente il proprietario per la disponibilità e la gentilezza accordataci. E ne approfitto anche per fare un appello a chiunque abbia una sede da proporci!! 🙂

Il primo punto all’ordine del giorno sarà la giunta degli assessori. Daria manterrà le promesse fatte e romperà col passato?

State sintonizzati!!

Annunci

13 Comments

  1. Molto bene Chiara, ben tornata.
    Approfitto per scriverti così su due piedi, in fretta e furia.

    So che qualche anno fa fu fatta all’Amministrazione Adani, una richiesta, (non so se in forma scritta o verbale), per chiedere di valutare l’ipotesi di avere, nella città di Vignola, una sala o un locale adeguato, per la celebrazione dei funerali laici, atei o comunque non cattolici.

    Cercherò di avere più informazioni al riguardo. Però a mio avviso, sarebbe un segno di altissima civiltà permettere a chi non è cattolico, di avere un luogo dove i congiunti possono raccogliersi per salutare il proprio caro, defunto.

    Eventualmente si può cercare di capire se questa, è un’esigenza sentita dalla comunità.

    Sul come muoversi, (tipo raccolta di firme ecc.) dimmi, sono disponibile.

    Ivana

    Sono certa che Daria Denti è sensibile a questi argomenti.

  2. Questa mattina ho letto sul giornale che hai(avete!) deciso di non entrare in giunta. E’ vera la notizia??
    Io sono uno di quelli che, votando la lista, sperava di vedere vignola amministrata in modo diverso, non dal solito apparato, ma con l’apporto di giovani e con idee giovani.
    Penso che aldila’ delle “masturbazioni politiche” che ho letto in questo blog da parte di alcuni, quello che conta alla fine sono i risultati ottenuti, e questa mi sembrava una ottima opportunita’per poter incidere su molte decisioni.
    Come diceva qualcuno in una riunione “..le cose bisogna cominciare a cambiarle adesso, non tra cinque anni quando i danni sono gia’ fatti…”.
    Spero per tutti noi che sia la decisione giusta.
    Ciao
    luigi
    p.s.: vorrei conoscere le opinioni di alcuni del comitato, logicamente pro e contro l’entrata in giunta.

  3. Ragazzi ma che state facendo? Tutti ormai sanno della proposta della Denti. Un post a tal proposito? Qualche dichiarazione Chiara? Se ci sono spaccature, rendetele pubbliche. Non si poteva fare un dibattito sull’entrata in giunta? Io credo che non entrare sia un GRAVE ERRORE. Un progetto lista, come tutti sappiamo, ha forti probabilità di sfaldarsi per strada e l’unico dato certo che rimarrebbe sarebbe un assessore realmente non del PD o amici. Ricordiamo che non l’avete chiesto, ve l’hanno offerto. A parte che questo è un chiaro riconoscimento del fatto che non potete essere ignorati in città, la Chiara avrebbe potuto fare un lavoro serio e formativo slegata dalle dinamiche di giunta, magariad un assessorato minore, come la cultura. E invece ci terremo la Romina, che non ha preso voti neanche per avere un consigliere… In questo modo gli equilibri in città rimarranno gli stessi, spianando la strada all’unica opposizione strutturata che è la Lega. O forse avete ragione voi? Meglio far cadere la Denti…meglio starne fuori e non far cadere la Chiara in tranelli causati dalla sua inesperienza e bruciarsi possibilità più serie in un futuro prossimo? Non voglio dare un giudizio troppo netto, però mi pare che sia un momento di confusione. Ma perchè non ne parlate? Magari un incontro pubblico o cmq dichiarazioni (ad esempio qui che possono anche arrivare pareri) potrebbero anche portarvi idee nuove…

  4. ” E’ fuori tema pensare che Vignola Cambia possa svendere un suo successo per una poltrona: sarebbe la fine di un gruppo e di una esperienza. Adesso dobbiamo incalzare pubblicamente la nuova amministrazione sui temi da noi proposti in campagna elettorale. POi si vedrà.”

    Per Chiara Smeraldi accettare sarebbe un esperienza di arricchimento, un mettersi alla prova altrimenti impossibile.
    Accettare un assessorato non vuol dire accettare una poltrona; le poltrone sono altre, in Fondazione CRV o in Provincia. Un assessorato è un impegno serio che comporta mettere alla prova le proprie capacità e idee e di conseguenza impegnare le capacità e conoscenze del gruppo che sta dietro.
    Se si crede nelle proprie idee, questo è il momento di provare a realizzarne qualcuna. E si può realizzare solamente se si ha il potere di farlo, con le mani in pasta.
    “incalzare pubblicamente la nuova amministrazione” come dice Ricci, sarà possibile anche con Chiara assessore, ma davvero Ricci crede di riuscire in quello che lui e qualcun altro non è riuscito in decenni? poi perchè spacciare un cartello elettorale per un gruppo? il gruppo Ricci forse, visto che le polemiche col piccolo principe, i proclami anti Denti, le linee politiche sono sempre state firmate Giovanni Ricci. Più che legittimo, basta dirlo e dire che Chiara è servita per i manifesti. Io spero non sia cosi.Anzi credo che non sia cosi….però..

    1. Caro Zapata non è così….però. Non è così senza però. Mi fai troppo onore parlare di un gruppo Ricci: nessun gruppo, solamente che io sono un grafomane che firma quello ch scrive a titolo prsonale, senza impegnare la lista. Vista la Giunta, bene abbiamo fatto, con decisione unanime, a starcene fuori. Ma questo lo diranno i prossimi mesi. Di certo non molliamo la presa e faremo l’impossibile per sollecitare la gente a gidicare le scelte nostre e quelle dell’amministrazione. Invece vorrei che qualcuno riflettesse sul fatto che, nonostante la lista sia partita alla ine del 2007 e tutti ne fosseo a conoscenza, l’offerta di entrare in giunta è venuta una settimana fa, una settimana dopo il ballottaggio. Prima il vuoto da parte dei partiti tuti, PD compreso. I percorsi si costruiscono prima e nel tempo, dopo si fanno solo posticci. Adesso abbiamo il tempo per costruire ma occorre che gli altri interlocutori si diano una mossa, e penso al PD, alle altre civiche a tutti quelli che sono pronti a mettersi in discussione.

      1. ….mi trovi d’accordo con quello che scrivi. Su alcune cose avevo volutamente calcato. Ma credo ancora che uno strappo ai ragionamenti che filano troppo non avrebbe stonato. “la fantasia al potere” si diceva in altri tempi e oggi credo sia ancor più che valida, in tempi dove il grigio e il nero stanno coprendo tutto, e allegramente si sente dire “noi non siamo nè di destra nè di sinistra”, bellissimo, senza storia nè cultura…siamo il nuovo che avanza. Chiara Smeraldi assessore, li avrebbe schiantati..
        pensa al pretino che aveva battezzato “lista di dilettanti”, che rabbia…da diventare verdelega!!
        Sinceramente credo che dare un valore diverso alla seriosità non farebbe male, dare più spazio alla parte destra del cervello e ascoltare meno la sinistra. Un pò più di allegria, anche nelle azioni, nel far politica. Una risata vi seppellirà, te la ricordi?
        In quanto al tuo esser grafomane, spero che tu continui, anzi ricominci a scrivere su questo blog che si sta perdendo;sei riuscito far scrivere Roberto Adani, proviamoci con gli altri, che hanno blog e quant’altro e se ne stanno zitti,zitti.
        Scrivere qui non sarà il massimo, forse lo leggeranno in 7 che intervengono, ma lo leggono altri 300 che se ne stanno zitti. Il filmato di Enzo Cavani & C, è in rete e lo possono vedere in migliaia.
        Non snobbiamo la rete, è un grosso potenziale, ma mi pare che vi sia ancora molta diffidenza.
        Buon lavoro, Giovanni

        Sulla Giunta:mi è piaciuto Alvin, e all’ottimo AndreaPaltrinieri posso solo dire di continuare col suo bisturi…ce n’è bisogno. (Andrea, perchè hai lasciato passare sotto silenzio la “bolla” dei “pasdaran” contro Rubbiani?)

  5. anche io non capisco il rifiuto, tra l’altro dell’assessorato al bilancio, che non è una bandierina di rappresentanza.
    anche perchè Chiara avrebbe avuto la possibilià di lasciare la giunta sbattendo la porta se non avesse trovato risposta vera alle promesse della Denti. E questo sarebbe stato un bel modo per mettere alla prova il sindaco e la sua linea
    ho letto i nomi della giunta e sono stato contento. non conosco tutti i componenti e questo è un bene perchè vuol dire che non sono i soliti noti della sinistra vignolese
    sono meno di prima e sono metà uomini e metà donne, come si era impegnato a fare il sindaco
    mi piace scurani, perchè è una persona seria
    mi piace santi, perchè è giovane e ha un bel percorso professionale in corso
    mi piace che non ci siano i funzionari del PD
    mi piace che sia una giunta pulita
    mi piace che, nonostante per una settimana almeno, sui giornali si dessero per certi gozzoli e gasparini, alla fine si è preferito investire su persone e non su poteri
    mi dispiace che non ci sia Chiara
    sarebbe stata la giunta più bella per Vignola fino a qui
    ma lo può ancora essere, speriamo presto

    1. La giunta voluta da Daria Denti rispetta la promessa della discontinuità: solo lei e Romina Bertoni appartengono alla precedente giunta. Vedo che qualcuno dà valore a questo aspetto, che a me invece dice poco. Certo la giunta precedente era particolarmente debole e dunque nessun rimpianto del fatto che siano davvero in pochi ad essere riconfermati. A me, però, preme assai di più il dato della competenza e della capacità. Se valutata sotto questo profilo questa giunta è tutt’altro che esaltante. Non conosco tutti e dunque è giusto esprimersi con cautela. Ma ad oggi non ci sono nomi che colpiscono – l’unica eccezione è Mauro Scurani. E però mi sembra sia stato scelto proprio come “surroga” del mancato ingresso in giunta di Vignola Cambia – un evento su cui non c’erano, a mio modesto avviso, le condizioni. Come giustamente ricorda Ricci se c’Era la volontà di costruire un rapporto solido l’allora candidato sindaco Daria Denti aveva tutto il tempo per farsi avanti. Comunque, per il resto sono rispettate le canoniche regole della formazione della giunta: c’é il rappresentante dell’Italia dei Valori e del PRC; c’é la persona indicata dall’area ex-Margherita (ed è anche vicesindaco, come nella giunta uscente); c’é il tributo al Polivalente Olimpia. Tutto quadra. Se nel complesso questa giunta saprà esprimere una “capacità” di alto valore lo vedremo abbastanza presto. Da qui a dire che “sarebbe stata la giunta più bella per Vignola” ce ne corre – giudizio che richiede, in ogni caso, un po’ di memoria storica. Evitiamo di farci abbagliare dal fatto che c’é gente nuova. Certo, né Luca Gozzoli né Giancarlo Gasparini sono presenti. Posso anche convenire che forse è opportuno che sia così. Ma, per fortuna, il PD non può essere ridotto ai soli Gozzoli e Gasparini. E lo dice uno che, pur essendo iscritto, non è certo tenero con il PD.

  6. Il Gruppo Ricci non esiste. E lo dice uno che Vignola Cambia l’ha fatta nascere, quando ci incontravamo al Lavabo io, Chiara, Enrico Panini, Antonio Tavoni e pochi altri. Chiara rappresenta noi e noi l’abbiamo votata, ai tempi in cui occorreva un candidato. Molte delle cose che ha scritto Giovanni Ricci io le condivido pienamente e non sono stato lì, ogni volta, a dire:”sono d’accordo anche io”, perché mi sembrava inutile.
    Il nostro è sempre stato un movimento di persone pensanti e libere che si sono ascoltate e capite e, cosa più preziosa, che sono anche diventate amiche. Forse la gente che ci ha votato ha colto anche questo.
    E vi posso dire che:
    – il programma l’abbiamo scritto insieme ed incontrando pubblicamente i cittadini. Non esisteva il Gruppo Ricci né il Gruppo Smeraldi né il mio o quello di Antonio. Ci abbiamo messo l’anima, l’abbiamo votato e approvato all’UNANIMITA’. Senza spaccature.
    – al momento del ballottaggio ci siamo nuovamente incontrati in due riunioni. Una per valutare le possibilità: appoggiare la Denti, appoggiare Fiorini, lasciare libertà. Lei non ci crederà, ma io, con la mia testa, anni 32, laurea e dottorato (che non significano intelligenza, potrebbero essere anche tempo perso), ho votato serenamente per la “libertà di voto” al ballottaggio. E anche qui, accordo pieno della lista. E Chiara ha rappresentato la nostra decisione.
    – assessorato. Chiara ci ha illustrato la proposta della Denti. Ci siamo presi un po’ di tempo. Ognuno ha riflettuto. Mi hanno messo molta tristezza le illazioni lette sui giornali della lista spaccata e compagnia bella. Niente di tutto questo. Lunedì sera ci siamo trovati, presenti tutti. La domanda era: entriamo in giunta? Abbiamo parlato – se ricordo bene – in sette o otto. Ognuno pochi minuti. Serenamente. Poi abbiamo votato. NO all’Unanimità. Potrà sembrare strano. Ma è andata così.
    Se poi lei ritiene errata la nostra decisione, liberissimo di farlo. Ma non esistono cartelli. Non esistono opinioni imposte e gruppi o fazioni che hanno in mano alcuni di noi e prima fra tutti la nostra Chiara.

    Una buona serata
    Devis Bellucci

  7. Brava la Daria dagli effetti speciali, molto meno il PD. All’insediamento del consiglio Daria si è presentara sicura, professonale, tonica, ha addiritura sorriso (a una sua battuta) ed ha giurato ben due volte. Bene, sinceramente bene. E ci ha stupito per gli effetti speciali: fuori la nomenklatura. Altro effetto speciale: tutti aspettavano alla cultura la Bertoni, ma evidentemente sorretta dal propri successo elettorale, eccola al bilancio. Montanari, visto il suo impegno nel sociale, giustamente va ai lavori pubblici. Ma aspettiamo per valutare, non solo dai fatti ma anche dalla disponbilità al confronto con la cittadinanza. Mi ha deluso invece il comportamento del gruppo PD: in un ruolo di garanzia quale è il presidente del Consiglio ha eletto il segretario del partito. Conoscendo la sensibilità di Gasparini ci attendiamo le dimissioni da segretario prima del congresso. E poi non mi è piaciuto il fatto che il PD abbia per ben due volte indicato un rappresentante delle minoranze per un ruolo istituzionale: la maggioranza che sceglie pure il rappresentante di minoranza! In più tessendo lodi sperticate per quello che via via veniva proposto. Mi è sembrata una caduta di stile. Il vero problema invece si chiama Rubbiani, visto come la peste bubbonica: ma è in consiglio e non credo giovi a nessuno un atteggiamento rancoroso anche perchè attraverso lui vengono lesi i diritti di chi in consiglio lo ha mandato, quindi se si dialoga con la “famigerata lega” se si dialoga col PDL e con Ceci che da 30 anni fa finta di fare opposizione (forse per questo tanti elogi?) o si rendono pubblici i motivi dell’accanimento terapeutico oppure si rischia di non essere capiti.

  8. Boh… Io so solo che non mi sentirò rappresentato da nessuno neanche stavolta…
    Come al solito ho scelto il male minore…
    Peggio per me.

  9. Caro Devis, mi era sfuggito il tuo post e solo ora lo leggo e con grande piacere. Il piacere è doppio, quando ci fai sapere della nascita di Vignola Cambia al Lavabo, ambiente giovane e frizzante. Quella del gruppo Ricci, come spero avrai intuito era solo una provocazione, nata comunque da un interrogativo reale : perchè solo Ricci scrive ?
    Poteva anche essere solamente il portavoce. Ma queste sono solo bazzecole. L’importante, credo, è mantenere vivo il dibattito su molti fronti e non aver paura di perder tempo.
    Ricci è un bravo spadaccino, ma non può esser lasciato solo. Su un blog, forse non si cambierà tanto, ma renderlo vivo e vivace può servire a noi e agli altri per cambiare veramente Vignola.
    Ora permettimi di scherzare : anche se il gruppo aveva qualche incrinatura, niente di male, è più che normale, è l’UNANIMITA’ che non è normale, fa troppa Bulgaria o Unione Sovietica. La prossima volta direi, 8 favorevoli, 1 contrario, 1 astenuto…..ciao

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...