Centro storico, quale futuro?

Ebbene si, vivo in centro storico e sostengono con forza il “vivere entro le mura”. Purtroppo però anche io sto perdendo le speranze. E questa volta nulla hanno a che vedere cittadini extracomunitari o “personaggi pericolosi” che molto spesso servono da specchietto per le allodole per nascondere quello che in realtà mi colpisce ancora di più: la totale noncuranza dell‘amministrazione per quel rettangolo di strade che forma il centro storico di Vignola.

 

A nemmeno un anno dal rifacimento della pavimentazione nelle vie Bonesi, Soli e Cantelli, ci sono già parecchi punti in cui i ciottoli sono saltati, mancanti o rotti. Le lampade a terra sono sporchissime, ci sono dei tubi rossi volanti che mai si è capito a cosa servissero e prolunghe dell’elettricità attaccate sotto quasi ogni voltone, le grondaie messe a nuovo sono già tutte piegate dalle varie botte prese a causa di pessimi parcheggiatori. Macchine e motorini passano a tutte le ore e a tutte le velocità soprattutto la notte, ci sono spesso tre o quattro camion di ambulanti parcheggiati e quasi sempre davanti all’entrata dell’unico (per ora) teatro che abbiamo a Vignola, mancano quasi totalmente cestini dei rifiuti per i pedoni, in Via Bonesi addirittura manca anche il cassonetto dei rifiuti domestici, il guano dei piccioni ricopre i palazzi abbandonati e i ciottoli, cartelli di divieti di sosta scaduti vengono lasciati settimane senza essere rimossi dai Vigili, a volte fuori dai portici le passeggiate sono ostacolate dalle tante macchine parcheggiate.

 

E questo l’amministrazione lo sbandiera come uno dei più importanti interventi di recupero del Centro Storico degli ultimi anni? Purtroppo non basta fare le cose se poi non seguono azioni di manutenzione e iniziative per migliorare la vita dei residenti.

 

 

Mi vengono in mente alcune cose: ZTL almeno nelle ore notturne in tutte le vie del centro storico, convenzioni con il parcheggio della Piazza per la sosta dei residenti almeno durante la notte (Adani ai tempi aveva promesso in un incontro pubblico che avrebbe cercato di parlare con la società di gestione per ottenere tariffe agevolate, poi come spesso accade tutto è caduto nel dimenticatoio), illuminazione più potente e azioni di sicurezza sul parcheggio di Via Zenzano, installazione di cestini dei rifiuti per i passanti, pulizia mensile delle strade con getti d’acqua, recinzione con aiuole delle zone che hanno un interesse storico o artistico perché le macchine non vi parcheggino davanti (vedi Teatro Cantelli), ripristino di parcheggi per i residenti in Piazza Carducci in modo da liberare in parte via Bonesi e via Soli, bandi per il rilancio di attività artigianali in centro storico (vedi esempio Pomposa a Modena).

 

So che a Vignola ci sono tanti quartieri, che ognuno di questi presenta problematiche ma è anche vero che a Vignola c’è solo un centro storico, c’è solo un castello e credo sia importante per i cittadini che questo patrimonio venga mantenuto nel migliore dei modi. Io credo che questo non stia accadendo, è vero alcuni passi avanti sono stati fatti ma non basta arrestare due spacciatori per fare credere alla gente che ora abbiamo un centro storico sicuro, per fare tornare voglia ai vignolesi di tornare a rivivere il centro storico, non deve essere solo sicuro ma anche salubre, attraente e bello. Forse sono idealista e forse è davvero così difficile ma ho vissuto in città molto più grandi di Vignola e penso che basti solo un po’ di volontà da parte dell’amministrazione per sistemare quelle poche cose che secondo me ora non permettono al centro storico di Vignola di essere così attraente come invece potrebbe essere.

 

Chiedo a chiunque avesse idee, pensieri , suggerimenti al riguardo di intervenire.

 

Grazie,

Stefania Mantaguti

 

Annunci
Categorie:

3 Comments

  1. Io sono anni che faccio presente questo continuo degrado !!!!!!!!Nessuno mi ascolta; e pensare che una volta nel centro storico pulsava la VITA di Vignola!!!!!!!!!
    Grazie Adani, grazie Daria !!!!! Voltatevi dall’altra parte e fate finta di nulla come e’ stato fatto in tutti questi anni.
    Vogliamo anche parlare delle parabole, dei fili delle antenne che penzolano da finestra a finestra , vigliamo parlare dei mercati che ogni sera si tengono in via Cantelli di bustine di polvere bianca, delle tre ragazzine che fanno la ”vita sopra al teatro in via Cantelli ????????? Che cosa si aspetta ad agire ?????
    Vorrei che qualche persona me lo spiegasse.

  2. Il centro storico vignolese soffre di problemi, alcuni più antichi, altri più recenti. In questo è accomunato a molti dei centri storici delle città italiane. La vitalità di un centro storico è assicurata da due ingredienti: varietà e qualità dei servizi che ospita, così da garantire una funzione di attrazione di cittadini, utenti, clienti, turisti. Oltre a ciò occorre garantire un profilo “sociale” equilibrato. Su quest’ultimo punto oggi non è così. Nell’aprile 2008 ho chiesto all’anagrafe comunale il dato relativo agli stranieri residenti, via per via. Mentre a Vignola la presenza degli stranieri incide per il 13-14% della popolazione residente, in alcune aree si rileva una forte concentrazione. Si tratta di situazioni non positive per l’integrazione. Una di queste aree è il “centro storico” (inteso come centro entro il confine delle mura medioevali). In quest’area gli stranieri costituivano, ad aprile 2008, il 42% dei residenti. Nella zona attorno a Corso Italia gli stranieri sono il 34% dei residenti. Vedi:
    http://amarevignola.wordpress.com/2008/04/25/leggere-la-citta-con-la-scuola-di-chicago/
    Per affrontare questo problema e conseguire una presenza più equilibrata occorre intraprendere alcune azioni. A breve occorre potenziare i controlli e le ispezioni agli appartamenti, per verificarne l’agibilità, l’igienicità e per controllare non vi siano situazioni di sovraffollamento (e sappiamo che vi sono!). Ma l’unica “cura” duratura è un’altra. Occorre far crescere il costo degli affitti in quell’area (oggi in larga parte caratterizzata da alloggi di bassa qualità perché “antichi” e non ristrutturati), dunque occorre intensificare (non rallentare!) il processo di riqualificazione urbana. Sapendo che occorreranno almeno altri dieci anni per “risolvere” il problema. L’altro elemento, come dicevo, sta nella diversificazione e nell’ampliamento delle funzioni “attrattive” collocate nel centro (in questo caso il “centro” di riferimento è necessariamente più ampio del centro “medioevale”, ma, ovviamente, l’intervento dovrà prevedere una particolare attenzione verso quest’ultimo). Si tratta di portare in centro negozi di qualità e servizi, trovando il giusto equilibrio (e per evitare che rimangano solo sportelli bancari!). Occorrono più negozi legati al commercio di prodotti tipici locali, di produzioni di qualità, di artigianato. Più “negozi” culturali. Più ristoranti e osterie con spazi all’aperto. Per governare questo processo è importante continuare l’azione di riqualificazione urbana. E’ importante anche usare la leva degli incentivi economici. Il Comune di Castelnuovo ha fatto cose interessanti negli anni passati. Restano in verità altri tre ingredienti per un centro urbano di qualità: (1) pulizia e raccolta rifiuti; (4) meno spazio alle automobili; (5) più rispetto delle regole (e regole più chiare) per tutti. Ma su questi temi lasciamo la discussione aperta.

    1. Ciao Andrea,

      grazie per aver approfondito il mio intervento in maniera davvero chiara ma
      è proprio sue questi tre ultimi ingredienti che tu citi che secondo me l’amministrazione è intervenuta davvero poco e fino ad ora non sono ancora riuscita a comprendere il perchè di questo atteggiamento: mancanza di fondi, mancanza di capacità di progettazione, mancanza di interesse etcc…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...