Attenti all’acqua di Mauro Smeraldi

La battaglia dell’acqua a Vignola non è ancora vinta. L’ingessamento del  PD Vignolese è davvero inpensabile (e preoccupante). La paura di andare oltre le righe è inquietante. Dopo due ore di discussione in commissione i consiglieri PD non hanno accettato di introdurre nella modifica allo statuto la definizione che la gestione del servizio idrico integrato è  un servizio “privo di rilevanza economica”, presentando a loro volta una proposta di modifica nella quale si gira intorno a questo semplice concetto utilizzando costruzioni linguistiche complesse ed edulcorate degne dell’Accademia della Crusca.

Il PD vignolese è più realista del re. Berlusconi imperversa e ne combina di tutti i colori, modificando a suo piacimento e convenienza interi impianti legislativi, e il PD si preoccupa delle ripercussioni legali (?) che potrebbe avere l’introduzione nello statuto comunale delle parole “servizio privo di rilevanza economica” (un’espressione semplice e immediatamente percepibile, che esprime un concetto elementare e universale : l’acqua è un bene primario e fondamentale, che non deve essere oggetto di sfruttamento economico perchè è di tutti)

Ci sono però due buone notizie:

  1. la regione Emilia Romagna ha presentato il ricorso per la dichiarazione di illegittimità costituzionale del Decreto Ronchi;
  2. è stato pubblicato un buon articolo sul Resto del Carlino che spiega le ragioni del Comitato Modenese per l’acqua pubblica di cui facciamo parte. Fanno parte del comitato, tra gli altri, anche Italia dei Valori e Rifondazione Comunista. E allora sorge spontanea una domanda: ma gli assessori Basile e Bertoni di quali partiti fanno parte? Perchè sono sempre supinamente allineati alle decisioni del PD? E l’assessore Scurani (silente) cosa pensa della vicenda?

Vi prego amici e compagni del PD, di Italia dei valori, di Rifondazione abbiate un po’ di coraggio, dite e fate qualcosa di sinistra. Volete costringere Vignola Cambia a rimanere sempre e comunque all’opposizione? Dopo il rapporto con i cittadini volete perdere anche le prossime elezioni, che già stavolta avete vinto miracolosamente?

Riporto alcuni stralci di un articolo dal titolo “CI E’ RIMASTA SOLO L’ARIA” apparso su “La Stampa” del 19 novembre 2009 a firma di  Antonio Scurati (assicurandovi che nè il giornale nè il giornalista sono degli estremisti)

“…la privatizzazione della vita agisce simultaneamente su due versanti, contigui ed interconnessi come le due facce di un’unica medaglia. Su un versante si procede a privatizzare la proprietà non più solo dei mezzi di produzione, ma anche di sussistenza della vita della specie, sull’altro si mette in scena la riduzione della vita sociale a un fatto privato.

Sul primo versante accade che, in un quadro globale di progressivo impoverimento delle risorse naturali, di cambiamenti climatici che rischiano di mettere fine al lussureggiare della vita planetaria, e di fosche previsioni sull’aumento della popolazione mondiale, il controllo sui beni basali per l’esistenza, sulle condizioni di sopravvivena, e finanche sulle matrici di riproduzione della vita biologica, viene via via affidato a soggetti d’impresa, cioè a privati mossi dalla logica del profitto e, spesso, da intenti speculativi. E’ il caso del controllo delle risorse idriche, delle biotecnologie in agricoltura, ma è anche il caso della privatizzazione della guerra subappaltata a conctractors privati,della privatizzazione della ricerca medico-scientifica e, sopra ogni altro, è il caso della ricerca sul genoma umano condotta da privati.

Il secondo versante, meno serio ma non meno preoccupante, è quello della trasformazione della politica in talk show, un osceno teatrino di faccende un tempo confinate nella vita privata, che ha l’effetto di svilire, fino all’annichilimento, la nozione di pubblico interesse. Il “pubblico” –come dice Bauman- è cosi’ svuotato dei suoi contenuti, privato di un’agenda propria. E’ solo un agglomerato di guai, preoccupazioni e problemi individuali. E’ L’ECLISSI DELLA POLITICA, un tempo intesa come possibilità di fare uso di mezzi collettivi per affrontate i problemi individuali. E’ anche la fine del sentimento di comunità. E, con esso, la fine del principio di un bene comune…”.

Annunci
Categorie:

2 Comments

  1. Fioroni: “Balliamo sul baratro. E la prossima volta può arrivarci un calcio nel sedere a tutti”

    senza bisogno di commenti
    s

  2. a quanto scritto da Mauro aggiungo:

    nel sito di ‘acqua bene comune’ possiamo trovare delibere, mozioni ed odg di decine di comuni italiani ed anche statuti comunali gia’modificati tutti volti a definire il SERVIZIO IDRICO INTEGRATO PRIVO DI RILEVANZA ECONOMICA!

    si veda il bollettino regionale della liguria che riporta gli statuti modificati dei comuni di Ceriana (IM) e di Terzorio (IM)
    con le parole ‘…servizio idrico privo di rilevanza economica…’

    si veda la mozione approvata dal Consiglio del Comune di Venezia dove il servizio idirico integrato viene chiaramente definito privo di rilevanza economica….

    si veda il comune di ferrara dove il consiglio impegna sindaco e giunta alla modifica di statuto per definire l’acqua e la sua gestione priva di rilevanza economica…

    ed ancora l’odg del comune di napoli che riporta ‘…la modifica dello Statuto dovrà riconoscere il servizio idrico integrato quale servizio pubblico essenziale, di interesse generale, privo di rilevanza economica’

    tutto sul sito
    http://www.acquabenecomune.org/spip.php?article6483

    …ad oggi nessuna ripercussione legale su questi comuni,
    e ad ogni modo se cio’che si sostiene lo si sente giusto e volto alla tutela del solo bene comune, piu’ siamo a sostenerlo e piu’ avremo possibilita’ di essere ascoltati…

    carla

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...