La Neve e l’Unione

Oggi nevica! Credo che se ne siano accorti veramente in tanti ma forse non tutti tutti!!!

Il sindaco di Vignola prontamente ha fatto pubblicare sul sito del Comune di Vignola (già ieri era presente) il comunicato relativo all’allerta meteo e conseguente chiusura delle scuole di Vignola per la giornata di oggi. Per tutti i cittadini con figli di Vignola è stato quindi facile capire cosa fare il giorno dopo. Sul sito dell’Unione Terre dei Castelli alle 18:00 è stato pubblicato un comunicato che i comuni di Castelnuovo, Castelvetro, Marano, Savignano e Vignola avrebbero tenuto chiuse le relative scuole.

E per le scuole di Guiglia, Spilamberto e Zocca? Queste tre scuole dell’Unione oggi sono ufficialmente aperte! Forse in questi comuni nevica meno che a Vignola! Ma il sistema dei “pulmini” non è gestito a livello di Unione? Se le scuole di questi tre comuni sono aperte quindi il servizio dovrà essere garantito!? Ma la decisione è presa a livello comunale oppure di unione? Oppure i sindaci hanno deciso di tenere le scuole aperte ma non hanno potuto garantire il servizio dei pulman?

Per domani invece quasi tutti sono concordi nel tenere chiuse le scuole dell’Unione ed infatti già dalle 11:35 è presente una news sul sito dell’Unione Terre di Castelli che dice “CHIUSURA DELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DEI COMUNI DI CASTELNUOVO, CASTELVETRO, GUIGLIA, MARANO, SAVIGNANO, VIGNOLA E ZOCCA NELLA GIORNATA DI GIOVEDI 11 MARZO 2010“.

E per le scuole di Spilamberto? Magari là non nevica!

Buona nevicata a tutti!!!

Annunci
Categorie:

9 Comments

  1. Vi dò uno scoop: nevica anche qui a Spilamberto, ma da noi il Sindaco ha deciso di tenere aperto le scuole perchè intende garantire il servizio ai cittadini, così dice lui. Dunque, delle due l’una: o tutti gli altri Sindaci non intendono garantire il servizio scolastico, oppure al nostro Sindaco (che tra l’altro è anche il responsabile per le scuole a livello di Unione oltre che esserne Presidente) non importa molto della sicurezza di bambini, ragazzi genitori, insegnanti, ecc..
    P.S.: mi si dice che a scuola c’erano pochi bambini presenti, due insegnanti hanno avuto piccoli incidenti stradali, molte altre hanno ritardato e per non farsi mancare nulla, il riscaldamento non era del tutto funzionate.

  2. Quando nevica le aziende non chiudono, i genitori non restano a casa da lavorare e se le scuole son chiuse è un problema per le tante famiglie che non hanno parenti a cui lasciare i figli.
    Perchè se un operaio riesce a presentarsi in fabbrica alle 8.00 non può fare altrettanto chi lavora a scuola? La categoria maestri ha notoriamente problemi di guida? Non credo.
    Tanto di cappello a chi si è presentato per garantire il servizio. Penso sia anche questa una forma di solidarietà tra i lavoratori.

  3. Caro Umbi, la tua visione mi sembra un po’ semplicistica e non cosidera molte problematiche collegate al numero di bambini e quindi automobili e mezzi in movimento per accompagnare i bambini a scuola. Automezzi in panne, o quasi, tutti insieme nei pressi di una scuola dove bambini arrivano a piedi e dove i marciapiedi non esitono poiché coperti dalla neve, e scivolare è un attimo! Tu forse abiti a Spilamberto e forse per te è facile raggiungere a piedi la scuola ma pensa a quei professori e bidelli che non abitano nei pressi della scuola e che devono raggiungerla in macchina. Sono automobilisti anche loro e se un arrivano tardi e non c’è personale che accoglie e controlla i bimbi nella scuola che si fa? Magari se un operaio arriva tardi non mette in pericolo nessuno (si spera) ma la scuola ha altre responsabilità. Non vorrei che alcuni sindaci per non far torto a certi genitori non facciano un torto più grande se qualcuno si fa male!

  4. Cara Susanna, scusa se insisto però in questi giorni me lo sono domandato spesso: quindi come si fà? Non penso a chi ha la possibilità di scegliere se stare a casa con suo figlio o accompagnarlo a scuola, ma a chi comunque deve uscire di casa, mettersi in macchina e recarsi al lavoro.
    Chi è in difficoltà perchè non sà dove lasciare suo figlio cosa può fare? Lasciarlo a casa da solo? (e sarebbe interessante calcolare la percentuale di rischio casalingo a cui sarebbe esposto senza considerare che si tratterebbe di abbandono di minore, se non sbaglio).
    La comunità/il comune non dovrebbe farsene carico? Aiutare chi non può scegliere?
    In più se davvero uscire di casa fosse così pericoloso, ragionando per assurdo, un buon sindaco dovrebbe pensare alla sicurezza di tutti i cittadini non solo pagando caro il servizio di pulizia delle strade, ma ordinare la chiusura di supermercati, poste, chiese di modo che non si creino concentrazioni “pericolose”.
    Non penso che la mia maestra fosse wonderwoman però, magari facendo il sacrificio di svegliandosi un’ora prima, lei era sempre lì e il bidello anche.
    Un motto che conosco recita così: “Non esiste buono o cattivo tempo, ma solo buono o cattivo equipaggiamento”.
    Visto che sul primo possiamo fare ben poco, potremmo sempre migliorare sul secondo no?

    Comunque abito a Spilamberto, in campagna, e lavoro a Castelnuovo, anche di mercoledì.

  5. Mi sa che lamentarsi dopo che si e’ appoggiato il sindaco di vignola sia molto facile !!!!Non eravate voi che dicevate ” mai con la lega!!!!!!!!mai col PDL!!!!!!!!”.
    Bene , allora godetevi… nei denti il sindaco chje vi meritate.( e non e’ polemica ma triste realta’)

    Stefano

  6. Scusa Stefano, mi son perso qualche passaggio del tuo ragionamento: qual’è il collegamento tra il tuo commento e la questione neve?

  7. Questa bella nevicata marzolina ha evidenziato maggiormente i limiti legati ad uo sviluppo urbanistico irrazionale di alcune zone di vignola in particolare mi riferisco alla concentrazione di scuole avvenuto su via della Resistenza. Già in condizioni normali non sono sufficienti i parcheggi per le scuole della zona; con la nevicata che c’è stata l’amministrazione non si può limitare ad accumulare la neve a fianco della strada poichè le macchine vengono parcheggiate in mezzo alla strada. La neve va caricata e portata via, soprattutto nei pressi delle scuole ed edifici pubblici. A tre giorni dalla nevicata la situazione è di serio disagio anche sulle ciclabili e i pedoni devon camminare in mezzo alle strade. Come cittadino vorrei vedere una maggiore presenza ed attenzione dell’amministrazione in questi momenti di disagio.

  8. Vignola non è un paese per pedoni….
    Concordo con quanto dice Fabrizio e aggiungo che l’Amministrazione comunale sta risolvendo un ‘emergenza con squadre appositamente create ( andate a vedere sul sito) sicuramente importante. Nello sgomberare la neve dalle strade i mezzi spartineve hanno accumulato e pressato grandi quantità di neve contro i cassonetti dei rifiuti impedendo così la raccolta degli stessi. Mi domando come possa essere successo… un pò di testa… vero? Ma aggiungo ancora che ai pedoni però non pensa mai nessuno , meno che mai l’Amministrazione. Prima di tutto gli automobilisti!!!Ricordo, però, che esiste un Regolamento comunale di polizia urbana che all’articolo 14 ( Sgombero neve ) dice: “I proprietari o gli amministratori o i conduttori di edifici a qualunque scopo destinati, durante o a seguito di nevicate, hanno l’obbligo , al fine di tutelare l’incolumità delle persone, di sgomberare dalla neve e dal ghiaccio i tratti di marciapiede ed i passaggi pedonali prospicienti l’ingresso degli edifici e dei negozi o provvedere con idoneo materiale ad eliminare il pericolo…..”
    La sanzione prevista per la violazione di tale obbligo va da euro 50,00 a euro 300,00. Provate a fare una camminata per Vignola e constaterete che tale obbligo è stato totalmente disatteso e nessuno ( polizia municipale ad esempio) si è preoccupato di farlo rispettare. Mi sa che ci tocca fare tutto da soli. A L’Aquila è entrato in azione il popolo delle carriole … a Vignola potrebbe entrare in azione quello …..delle pale !Cosa ne pensate?

  9. neve-cittadini 2-0
    Bella e netta vittoria da parte della neve,in questa partita
    giocata,in recupero stagionale,trà martedì e mercoledì.
    Lenta,non tanto soffice,ma continua e perseverante ha
    letteralmente dominato e stravolto le nostre normali attività.
    Noi,siamo ormai abituati ad essere programmati,efficienti….
    ……schizzi.Tutti i giorni,a non potere rinunciare a niente.
    Sempre a delegare ad altri la soluzione dei problemi e a pretendere,comunque la soddisfazione di ogni nostra esigenza.
    _Da bambino per me senza tante autorizzazioni era automatico :neve =niente scuola (decisione famigliare).
    _Se si doveva per forza uscire ,alzarsi molto prima……
    pala e sbadilare.
    Pensare oggi,che una bella nevicata sia oggetto di tante
    cliccate,lamentosamente ipercritiche,rovina ulteriormente
    un pò di quel bel bianco che c’è
    john

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...