Gentile dottoressa Masetti…

In merito all’emendamento n.8 presentato dalla lista, pubblichiamo una lettera inviata al consigliere Masetti, che è intervenuta in Consiglio per spiegare le motivazioni (tecniche) della bocciatura della nostra proposta.
 
Gent. dott.ssa Masetti,

sento il dovere di scriverle in quanto ciò che lei ha detto nel Consiglio Comunale del 16.02.2011, riferito all’emendamento n.8 “Contenimento dei consumi energetici in edilizia” con particolare riguardo alla pratica della demolizione selettiva, non è corretto. Con queste mie poche righe, vorrei esserle d’aiuto e suggerirle inoltre di avvalersi di “consulenti” più informati in materia di eco-sostenibilità, temi importanti e pratiche non più rinviabili a tempi futuri, il futuro comincia da oggi sulla base di ciò che noi tutti costruiamo quotidianamente con le nostre scelte.

 

Demolizione Selettiva significa recuperare una buona parte di ciò che fino a ieri era rifiuto per riutilizzarla come materia prima e quindi come un bene che ha un valore. Senza elencarle le nuove Direttive Comunitarie le ricordo che già il Decreto Ronchi (D.Lgs. 22/97) all’art. 4 imponeva il recupero, il reimpiego, il riciclaggio e le altre forme di recupero per ottenere materia prima dai rifiuti. In particolare dai rifiuti di costruzione e demolizione si ricava una  frazione di eccellenti materiali inerti riciclati che, se preventivamente assoggettati al trattamento che li renda conformi agli standard della Circolare 5205 del 15/7/2005 del Ministero dell’Ambiente, possono essere utilizzati, nel settore edile-stradale ed ambientale, in sostituzione dei materiali naturali per la realizzazione di sottofondi di strade e parcheggi,  per strati di fondazione delle infrastrutture di trasporto e di piazzali civili ed industriali, per la realizzazione di recuperi ambientali, riempimenti, colmate e molto altro ancora.

 La pratica è in uso ormai da tempo e ci sono ditte (anche a Vignola, Spilamberto, Savignano e Modena) che sono già abilitate a ritirare, separare e lavorare i rifiuti da C&D (costruzione e demolizione). Il dott. Mario Ori, Responsabile dell’Unità Operativa Gestione Rifiuti della Provincia di Modena (ori.m@provincia.modena.it tel. 059.209577) sarà disponibile a rassicurarla su come ciò non solo sia possibile ma auspicabile come tante altre attività di recupero rifiuti.

Lo scopo dell’emendamento in oggetto composto da tre punti, due dei quali completamente ignorati in fase di discussione, era quello di “premiare” ed incentivare le pratiche eco-sostenibili in edilizia volte al contenimento del consumo energetico e della conseguente impronta ecologica, perché non possiamo più permetterci l’uso indiscriminato di risorse senza pensare da dove vengano o disdegnando il loro riuso e riciclo, gli impatti ambientali vanno minimizzati pensando sempre a tutta la filiera.

Le segnalo inoltre un link dove troverà un accenno alle nuove Direttive Europee sull’argomento

http://www.edilportale.com/news/2010/04/tecnologie/gestione-dei-rifiuti-inerti-un-paradosso-tutto-italiano_18670_12.html

Distinti saluti,

Chiara Smeraldi per la lista Vignola Cambia

Annunci
Categorie:

1 Comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...