Un bus speciale è passato per Vignola: chi l’ha visto?

Il 19 e 20 settembre chi si fosse avventurato in via Marconi, davanti al comando della Polizia Municipale, avrebbe trovato un bus a due piani, proveniente dalla Germania: l’OMNIBUS , così detto dal nome dell’associazione, nata nel 1987, “Omnibus fuer die direkte Demokratie”, che si adopera per la conoscenza e la diffusione della Democrazia diretta in Germania e in Europa.

Purtroppo sono stati pochi i cittadini che hanno avuto il piacere di conoscere i 6 rappresentanti dell’associazione, che hanno scelto di fermarsi a Vignola nel loro viaggio verso il Global Forum sulla Democrazia diretta (Roma 26-29 settembre).

Ma quei pochi sono rimasti molto stupiti nell’apprendere che Vignola è molto famosa tra chi si occupa di Democrazia Diretta, dato che il nostro Statuto e il Regolamento sugli Istituti di partecipazione e di democrazia diretta sono tra i più avanzati in Italia e non solo.

Questo nostro primato nasce all’interno della precedente amministrazione comunale, su iniziativa di Vignola Cambia e del suo assessore alla Democrazia e Partecipazione, Monica Maisani e dal lavoro di un gruppo di cittadini che in un percorso partecipato hanno introdotto nuovi strumenti di partecipazione : la parola al cittadino, la giornata della Democrazia, la scelta partecipata, il Consiglio Comunale aperto, l’iniziativa popolare a voto consiliare, il Referendum con Quorum 0 e le consultazioni popolari.

Lo Statuto è stato approvato dal Consiglio Comunale nel giugno 2016 e il Regolamento dal Commissario Straordinario nell’aprile 2017.

Ma quanti cittadini lo sanno?

L’amministrazione attuale ha un assessore per la Democrazia e Partecipazione che partecipa attivamente al Tavolo di Negoziazione Permanente, dove un gruppo di cittadini si occupa di promuovere e facilitare gli strumenti partecipativi, ma all’incontro con la delegazione tedesca e allo scambio di opinioni e esperienze erano presenti ,oltre all’assessore e al Sindaco(giunto in ritardo per altri impegni), solo consiglieri di Vignola Cambia e anche tra il pubblico predominava la presenza di nostri simpatizzanti.

Una bella esperienza persa… un vero peccato, come lo è il fatto che il Consiglio Comunale aperto non sia ancora diventato un appuntamento frequente con la cittadinanza.

Non basta dichiararsi a favore della partecipazione dei cittadini, serve dare pubblicità e attuazione alle possibilità date dalla nostra normativa.

Enzo Cavani durante il Consiglio Comunale del 26 settembre ha chiesto di rendere il Consiglio Comunale Aperto, previsto dal nostro Statuto, un appuntamento frequente e non una tantum.

In attesa di una risposta (speriamo positiva), apprezziamo che Il Tavolo di Negoziazione Permanente stia lavorando all’organizzazione della Giornata della Democrazia, iniziativa prevista dal nostro Statuto.

L’amministrazione attuale però, se crede veramente al valore della Democrazia Diretta e della partecipazione, deve necessariamente attivarsi, anche al suo interno, per diffondere la conoscenza tra i cittadini e favorirne la fruizione.

Abbiamo uno Statuto di cui essere orgogliosi, ma deve essere conosciuto e usato dai nostri cittadini, è nato da loro e per loro e deve rimanere “vivo”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...