Quelle strada insanguinate del “Cammino di Santiago”

I ratti armati scorrazzano per le strade di Santiago.

I ratti sniffano coca per essere efficienti nel loro compito di sempre:

18 morti, più di un migliaio di arresti.

Il presidente Pinera dichiara: “Siamo in guerra contro un nemico potente e implacabile, che non rispetta nulla o nessuno”.

Così Pinera proclama lo stato d’emergenza.

La politica liberista ha affamato la gente del Cile.

La gente, ” potente e implacabile” scende in piazza e manifesta la sua rabbia.

Chi è vecchio, come me, ha il cuore affranto nel vedere le strade delle città del Cile nuovamente insanguinate.

Il ricordo corre all’ 11 settembre 1973 ed al colpo di stato di Pinochet.

Domenica scorsa, casualmente, ho incontrato Alvaro figlio di Alfonso Varas.

Il professore e poeta Alfonso Varas dopo il golpe cileno fu costretto all’esilio.

Lui e la sua famiglia vennero accolti dalla nostra comunità e Vignola divenne la loro casa.

MI CASA ES TU CASA fu il sentimento di molti vignolesi

Solo con la caduta del regime di Pinochet Alfonso e la moglie con il figlio Giorgio tornarono in patria, Alvaro e le sorelle vivono tuttora con noi.

Giorgio famoso musicista, benché non abbia la cittadinanza italiana, è stato insignito del titolo di Cavaliere della Repubblica Italiana, per aver promosso la conoscenza della nostra musica nel mondo.

Oggi si strilla: “gli esiliati aiutiamoli a casa loro “.

Qual’è la casa?

Giovanni Ricci Capogruppo del PSI nel Consiglio Provinciale del 1980 e nostro concittadino, se fosse ancora fra noi, ci potrebbe dare la giusta risposta.

Il 1 maggio 1980 venne arrestato, insieme ad altri politici e sindacalisti italiani, a Santiago del Cile.

Si era recato in Cile per manifestare contro il governo golpista che aveva abolito le libertà sindacali.

Oggi, c’è il cuore di molti vignolesi nelle strade di Santiago.

E’ nella libertà la casa di ognuno di noi.

 

MI CASA ES TU CASA

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...