L’emergenza Covid-19 ha messo in luce le difficoltà del nostro sistema sanitario, al quale da molti anni sono destinate risorse insufficienti. Certo in Emilia Romagna il sistema ha retto abbastanza bene rispetto ad altre Regioni. Ma si può e si deve fare meglio. Occorre pretendere che anche la nostra regione metta a disposizione maggiori risorse, soprattutto per i servizi territoriali: l’assistenza domiciliare, i medici di base, che dovrebbero lavorare in gruppo, le Case della Salute, la medicina preventiva e quella sportiva (per incidere sugli stili di vita, determinanti per la nostra salute). Proprio quei servizi che la Lega ha smantellato in Lombardia e che Giorgetti (Lega) ha dichiarato essere inutili.Il nostro ex Sindaco, ora Consigliere Regionale, futuro Consigliere Comunale (?) ha proposto dal canto suo di costruire un nuovo ospedale, forse entusiasmato dalla costruzione inutile dell’Ospedale alla Fiera di Milano: un sacco di risorse economiche sprecate per pochi pazienti.Un nuovo ospedale a Vignola non serve. Occorre, come da sempre sosteniamo, rafforzare i servizi esistenti e vigilare sul loro mantenimento. Occorre ridurre al minimo le liste d’attesa ambulatoriali e per gli interventi. Occorre mantenere efficienti i vari reparti e aumentare il numero dei medici…E , se fosse proprio necessario ampliare gli edifici ospedalieri , si potrà pensare di utilizzare l’adiacente campo sportivo, spostando quest’ultimo, ad esempio, nell’area ex Sipe, insieme agli altri impianti e servizi sportivi.

Sostenete queste proposte di Vignola Cambia. Solo con l’aiuto e la partecipazione dei cittadini riusciremo a raggiungere gli obiettivi, come stavamo facendo con la commissione sanitaria non istituzionale, alla quale partecipavano e parlavano tutti gli interessati. Una commissione prontamente sostituita da Pelloni e soci con incontri istituzionali noiosi e inutili.